Home Alta moda Karl, who? – Addio a Lagerfeld

Karl, who? – Addio a Lagerfeld

7 min lettura
Commenti disabilitati su Karl, who? – Addio a Lagerfeld
0
54
unnamed file 3

Il mio più grande lusso è di non dovermi giustificare con nessuno”.

Karl Lagerfeld, genio visionario ed anticonformista, icona indiscussa del mondo del fashion, lascia un vuoto incolmabile nel cuore di molti e nel panorama della moda, scomparendo ad 85 anni a causa di una malattia da cui era affetto ormai da tempo, lo scorso 19 Febbraio 2019.

5dfd

Il mistero della nascita di Karl

Poco certi ancora tutti della sua effettiva età, Lagerfeld ha sempre giocato sulla questione, facendo calare il mistero sul reale anno della sua nascita. I più, convinti che fosse stato dato alla luce ad Amburgo, in Germania, da Elisabeth Bahlmann, sposata con Christian Lagerfeld nel 1933, furono a più riprese smentiti da Karl stesso, che sempre affermò di essere nato, invece, nel 1935.

Il talento del giovane Karl

Scoperto dalla madre il suo innato ed incontrastato talento, Karl lascia la Germania all’età di soli 14 anni per trasferirsi a Parigi, città in cui vinse, avendo la meglio sul talento ed artista francese Yves Saint Laurent, il Woolmark Prize, realizzando il bozzetto di un cappotto. Subito dopo l’assegnazione del trofeo, Lagerfeld affianca Pierre Balmain, per poi lavorare per cinque anni per Jean Patou, realizzando preziosi capi di haute couture.

130806 karl lagerfeld 3 wflgon

Ma l’alta moda, dopo poco, come unico universo da esplorare e in cui investire il proprio talento, inizia a non soddisfarlo più. Lagerfeld è affamato di progresso, di trasposizioni future, una mente in continuo movimento che guarda oltre la staticità e la monotonia. Accorcia sempre di più gli orli delle gonne, sperimenta forme e tagli di abiti in contrasto con la tradizione, al punto di suscitare l’indignazione di alcune giornaliste durante uno show di Balmain.

Nel 1965 sottoscrive un contratto a vita con la casa di moda Fendi, di cui diventa direttore creativo insieme a Silvia Venturini Fendi, che sempre lo ha considerato come un fratello, un componente fondamentale della sua famiglia, nonché pietra miliare e pupilla del brand italiano.

silvia venturini fendi 1

Nel 1973 l’arrivo nella maison francese Chloé finalmente conferisce libero sfogo alla sua creatività, regalandogli la possibilità di modellare abiti su donne nuove, indipendenti, dallo stile audace, quasi bohémien.

Karl Lagerfeld anni 50 60 07

Ma è dieci anni più tardi, nel 1983 che Lagerfeld sancisce definitivamente il suo successo, diventando direttore creativo anche della maison Chanel, creando un connubio indissolubile tra lo stile classico della famosa casa di moda francese ed il suo spirito anticonvenzionale. Ma la sua carriera non si arresta, certo, davanti la sola creazione di abiti.

karl chanel

1337256000000.cached 0

Continuando ad inseguire sempre nuovi ed inesauribili stimoli, Lagerfeld è anche fotografo di moda e cura personalmente campagne pubblicitarie di Fendi e di Chanel, utilizzando come sfondo delle famose fotografie la sua ambita casa parigina.

Nel 2004 firma una collaborazione con H&M, convinto che la moda ed il lusso è necessario che passino anche per canali diversi e la grande distribuzione risulta essere un’idea decisamente ben riuscita.

Nel 2005 Tommy Hilfigher acquista il suo personale marchio, “Karl” fondato nel 1974, lasciando, però, a Lagerfeld il controllo artistico del brand.

Politicamente scorretto, come lui ha sempre amato definirsi, spirito eccentrico, Lagerfeld non ha mai pensato lontanamente di omettere un suo personale pensiero su qualsiasi questione gli fosse stata mai proposta, ammettendo di odiare le conversazioni intellettuali, dal momento in cui il parere che davvero gli fosse mai interessato è sempre stato il solo e l’unico: il suo.

Karl Lagerfeld Alber Elbaz and Olivier Rousteing talk fashion designers masked intentions

3d616858c8773038c9d9c2a56cd7636b

Decisamente discreto con il pubblico per quanto concerne la sua vita sentimentale e privata, di lui sappiamo che è stato legato a Jacques de Bascher, suo storico compagno di vita e dandy di ultima generazione, nonché personaggio piuttosto gettonato nella vita notturna parigina, morto nel 1989. Non ha, invece, mai nascosto l’amore incondizionato per la sua gattina birmana Choupette che ha spesso fatto figurare nelle fotografie che personalmente lo ritraevano e a cui ha sempre dedicato le cure di due cameriere attente alle esigenze dell’animale domestico tanto caro a Karl.

karl lagerfeld choupette

a813753ed96296678779b133d4dc9b97

Mentre la direzione artistica di Fendi resterà nelle mani di Silvia Venturini Fendi, quella di Chanel è stata affidata a colei che è stata il braccio destro di Lagerfeld per oltre trent’anni, Virginie Viard.

Ciao Karl.

E grazie.

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Valentina Domma
Altri articoli in Alta moda
Commenti chiusi.

Leggi anche

Le it bags dei sogni: Chanel 2.55 e la Birkin di Hèrmes

“È quello giusto se lo guardi come se fosse l’ultima Louis Vuitton!” Beh, insomma, non sch…