Kamala Harris, il look della donna più importante d’America

5 min lettura
Commenti disabilitati su Kamala Harris, il look della donna più importante d’America
0
14
Kamala Harris, il look della donna più importante d'America

Lo stile d’abbigliamento può raccontare il carattere di un personaggio politico? Si, e lo sa bene Kamala Harris, Neo Vicepresidente degli Stati Uniti, la prima donna a riconoscere questo ruolo di potere e prestigio.

Cosa svela il modo di vestire della prima donna?

Una personalità decisa, sicura di sè, casual quando il momento lo permette, impeccabile nelle occasioni più formali. Il suo guardaroba è “politico” e parla di una donna eclettica che anche attraverso la scelta dei capi da indossare racconta chiaramente la sua visione del mondo e dei suoi valori. Sulla scia dell’amica Michelle Obama.

Brillante, colta, due lauree conseguite (una in Scienze Politiche e l’altra in legge), Kamala Devi Harris è nata a Oakland, in California, il 20 Ottobre del 1964. Figlia di immigrati con discendenze indiane e giamaicane, ha un’infanzia ed un’adolescenza complicate.

Dopo gli stufi, inizia la sua carriera come vice procuratore distrettuale nella contea di Alameda. In seguito lavora per il procuratore della città di San Francisco ed in quella occasione si specializza nel perseguire casi di violenza sessuale su minori.

Kamala ha anche un altro primato: è stata la prima donna afro-americana eletta procuratore distrettuale di San Francisco. Si candida per il Senato nel 2016 e da quel momento la sua carriera in politica è un successo dopo l’altro.

Paladina di un’inclusività potente, difensore del movimento Black Lives Matter, è da sempre in prima linea contro la pena di morte, non ha mai smetto di combattere per il diritto all’aborto. Insomma, donna, prima ancora che femminista.

LEGGI ANCHE: Ihaveavoice, una voce forte per contrastare misoginia e maschilismo

Casual ma impeccabile quando serve: così veste Kamala Harris

L’espressione fiera, il carattere indomito ed il pragmatismo del nuovo Presidente Usa si potrebbero sintetizzare nelle Converse All Star, le scarpe sportive che la prima donna indossa spesso e volentieri.

Del resto ha già dimostrato che ci sono occasioni in cui l’abbigliamento formale è necessario ed in altre in cui lo slancio per far politica ha bisogno di praticità. Come quando è scesa dall’aereo privato per il dibattito con il candidato, in completo giacca e pantaloni abbinati proprio alle sneaker. Quando ha festeggiato il Pride tra le strade di San Francisco, sempre in All Stars. Ed ancora quando è volata a Fresno, con ai piedi un paio di stivaletti Timberland.

Per le occasioni più formali, Kamala sfodera l’asso nella manica. Completi nei toni scuri: blu notte, nero e grigio piombo, sempre abbinati ad uno o due fili di perle. Il risultato? Effetto severo ma gentile, austero ma aperto.

Da non dimenticare il look sfoggiato in occasione del primo discorso da neo eletta: classico tailleur (di Carolina Herrera) bianco, colore simbolo delle suffragette. Un colore già utilizzato dalle politiche democratiche contemporanee come Hilary Clinton o Alexandra Ocasio-Cortez, per raccontare un’America che non lascia più indietro nè le donne nè le minoranze.

E proprio della personalità incisiva e della determinazione della Harris aveva bisogno l’America. Se è vero che le scelte (anche di stile) che facciamo dimostrano quel che siamo molto più delle nostre capacità, Kamala non deluderà le aspettative del suo Paese.

 

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Rossana Nardacci
Altri articoli in Look dei vip
Commenti chiusi.

Leggi anche

Nairy Baghramian, un’artista visiva nata in Iran

La bella mostra Furia Series – Nairy Baghramian. Misfits si visita piacevolmente per…