Home Moda e Must Have Moda sostenibile Rifò: l’azienda di Prato che regala una seconda vita ai capi in disuso

Rifò: l’azienda di Prato che regala una seconda vita ai capi in disuso

4 min lettura
0
1
36

Chi più, chi meno, tutti crediamo nelle seconde possibilità.

Se poi ci affianchiamo anche il ponderato concetto della moda sostenibile e circolare, ecco che tutto diventa innovativo ed eco-friendly.

Questo è il caso di Rifò, un’azienda pratese che grazie al km 0 e al riciclo dei tessuti, crea  nuovi capi ed accessori.

UN MADE IN ITALY NATO NEL MONDO

 

È in Vietnam, nel 2017, quando Niccolò Cipriani, il fondatore, immagina un brand che fosse il piú zero waste possibile, artigianale e sostenibile.

Ripesca la tradizione dei Cenciaioli e della tessitura di Prato e la parola “Rifò” sembra una scelta consecutiva e naturale.

Il termine toscano  sta a indicare una pluralità di significati: sia la località del processo, sia il “rifare”, ovvero la trasformazione.

Da quel momento in poi tutto sembra confermare la startup ecosostenibile: il crowfunding in breve tempo raccoglie più di 11.000 euro, viene creata la prima t-shirt rigenerata e la S.r.l associata; il team si ingrandisce e si s’inaugura lo shop.

L’AMORE PER L’ARTIGIANALITÀ LOCALE

La brillante politica del km 0 apporta multipli benefici in differenti settori.

Produrre localmente significa diminuire drasticamente le emissioni di Co2 e di carburante, eliminare gli intermediari, scandagliare materie prime e lavorazione ed abbassare i costi al pubblico.

Gli artigiani del posto vengono valorizzati e supportati, la qualità del prodotto aumenta così come i posti di lavoro, si ha un contatto diretto con tutta la filiera (dal design, alla produzione, alla comunicazione) favorendo la prevendita e un’esperienza di acquisto più intima e conscia.

Il BISOGNO DI ETICITÀ E RESPONSABILITÀ NEL SETTORE DEL FASHION

Rifò non è solo un progetto commerciale ma una vera e propria concezione della quotidianità e della moda consapevole.

Sovrapproduzione, tendenze stagionali, fast fashion, cultura del sempre nuovo. Sono queste le idee che il brand toscano sprona a modificare  ed abrogare. Come?

Con iniziative che coinvolgano  il consumatore e lo rendano cosciente del proprio posto ed operato nel ciclo produttivo e di acquisto.

Ed ecco che, nei negozi aderenti e sul sito web, si può donare vecchi jeans o maglioni in cashmere che verranno rifilati per dare vita ad un nuovo abbigliamento, maschile e femminile.

Nel loro shop on-line si possono trovare i capi di punta del marchio come avanguardista giacca in cotone denim rigenerato Ernest e Greta, la maglieria in cashmere riciclato e la polo nata da cotone rigenerato e bottiglie di plastica Felice e Rita.

 

“Basta mettere al centro l’ingegno e l’innovazione: così da una bottiglietta di plastica è possibile ricavare il filato di poliestere riciclato, da un paio di pantaloni un maglioncino o una borsa: il limite è la creatività!”

 

 

 

 

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da MARTA MAGGIONI
Altri articoli in Moda sostenibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

La nuova collezione di Elisabetta Franchi in diretta tv

La nota stilista ed animalista bolognese Elisabetta Franchi segue l’azzeccatissima s…