Met Gala 2021: i look IN e OUT della serata

7 min lettura
Commenti disabilitati su Met Gala 2021: i look IN e OUT della serata
0
13
Met Gala 2021

Quest’anno il Met Gala, celeberrimo red carpet più glamor e alternativo della moda, si è svolto il 13 Settembre e non, come di consueto, il primo Lunedi di Maggio.

L’evento, rimandato nel 2020 causa Covid-19, ritorna in tutto il suo splendore ( e a volte il suo trash) per inaugurare le mostra In America: A Lexicon of Fashion e In America: An Anthology of Fashion, un excursus sul fashion americano.

E il lessico modaiolo del Paese a stelle e strisce  è stato, ovviamente, anche il leitmotiv che ha guidato la scelta del dress code di tutte le star.

Noi di ModApp abbiamo scelto i look più iconici, nel bene e nel male, della serata per stilare le nostre consuete pagelle.

Chi è stato promosso e chi rimandato? Scopritelo nella nostra gallery.

 

Billie Eilish in Oscar de la Renta 10/10

Il principesco abito in tulle e corsetto, con annesso lungo trascino, rimanda al mood Vecchia Hollywood, grazie anche all’utilizzo sapiente di hairstyle ed accessori.

L’abito della Maison (sulla strada per il total fur-free) modella la silhouette con grazia ed eleganza in un look che ricorda la grande Marylin. Promossa!

 

Emily Blunt in MiuMiu 10/10

Una cascata copiosa di bling bling e seduzione per il design scelto dalla casa di moda per omaggiare Hedy Lamarr e la sua interpretazione in Zigfeld Girls. I drappeggi in bianco ottico  creano un contrasto armonioso e ben definito, mentre l’acconciatura di stelle si fa più scenografica e teatrale.

 

 

 Grimes in Iris van Harpen 9/10

Atmosfere futuristiche e fantascientifiche per l’abito ispirato a Dune di Frank Herbert. Ventisei metri di seta tagliata a laser e silicone liquido argentato trasformano Grimes in una ”aliena” rock e glamour.

 

Maise Williams in Reuben Selby 8/10

Trinity, Sarah Connor; donne dal look e dalla personalità forte. Questi i rimandi per l’outfit in stile glam/Matrix dello stilista, che utilizza forma geometriche e bombate, trasparenze, cristalli e paillettes per creare una ”geisha” 3.0

 

 

Ciara in Peter Dundas 7/10

Cosa c’è di più americano del football e del Super Bowl? Assolutamente nulla, direte voi. Bene, la versione fashion dello sport più tradizionale degli Usa si trasforma in un modello a sirena con tanto di brillio e cut-out.

 

Debby Harry in Zac Posen 7/10

Un inno squillante che grida ”God bless America” il total look ispirato alla bandiera della Nazione.  Il jeans è destrutturato e ricomposto in una giacca dal taglio grafico, mentre la sottostruttura d’acciaio diventa la base per strisce d’organza sfilacciate.

 

Kim Kardashian in Balenciaga 6/10

L’idea di base di essere ”anonimi” in un evento dove il best profile è la cosa più importante, è rivoluzionario per il Met Gala. Il mood manichino dei grandi magazzini però è davvero dietro l’angolo.

 

Natalia Bryant in Conner Ives 4/10

Un look che echeggia agli Anni ’60. Per questo abito balloon sono stati utilizzate paillettes floreali di Pet riciclato e su tutto il capo e il mini strascico. Buona l’idea, molto meno l’ingombro.

 

Amandla Stenberg in Thom Browne 3/10

Un mix confusionario e destabilizzante di men suit e sportwear ed underwear e Moulin Rouge per l’idea di American Fashion di Thom Browne. Davvero un grande no!

 

Kim Petras in Collina Strada 2/10

Questo non l’abbiamo proprio capito. Un omaggio agli Animorph di David Burroughs  che sembra tanto un incrocio mal assortito di My Little Pony, Ranch e 1700. Sicuramente stravagante e d’effetto ma per noi sembra pronta per Halloween.

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da MARTA MAGGIONI
Altri articoli in Alta moda
Commenti chiusi.

Leggi anche

Dress Code Invitata Matrimoni: come essere al top!

La bella stagione è sinonimo di feste e ricevimenti. Diciamolo: i mesi caldi dell’anno son…