Home Ama la tua vita! Guarire da un disordine alimentare è terrificante ma si può!

Guarire da un disordine alimentare è terrificante ma si può!

10 min lettura
Commenti disabilitati su Guarire da un disordine alimentare è terrificante ma si può!
0
46
Guarire da un disordine alimentare è terrificante ma si può!

Guarire dai disturbi alimentari è possibile con percorsi di terapia mirata

Guarire da un disordine alimentare è un percorso, lungo e davvero difficile, se non impossibile delle volte. Vi sembra quasi di non esse più padroni del vostro corpo, come se foste in balia di cambiamenti che vorreste impedire, ma che non potete. Non potete perché anche un solo passo indietro rischierebbe di trascinarvi nuovamente sul fondo.

Non esiste una formula magica che funziona per tutti. Devi provare, sbagliare e riprovare, finché un giorno, finalmente capirai cosa fare.

Personalmente la cosa più difficile per me, è stato l’accettare che le persone mi avrebbero vista ingrassare. Mi avrebbero guardata e notata, quando io volevo solo sparire.

Ora con il senno del poi mi chiedo, perché diavolo mi interessavo più a quello che gli altri pensavano di me rispetto a quello che pensavo io di me stessa?

Le persone mi guardavano ormai da anni con disgusto per la mia magrezza, perché quello che io vedevo come una cosa normale, una cosa di cui andare orgogliosa, le persone “normali” la vedevano come una cosa assurda. Ero l’elefante nella stanza, di cui nessuno parlava, ma di cui tutti avrebbero voluto parlare. Ero lì, al centro, con un faro puntato, con tanto di cartello con scritto MOSTRO. Sentivo i commenti, sentivo i versi schifati. Vedevo la pena negli occhi delle persone. Ma nonostante questo, durante la mia guarigione, avrei preferito ricevere mille di quegli sguardi piuttosto che mettere su anche un solo grammo.

Guarire si può ma non in un solo giorno

Guarire da un disordine alimentare è terrificante ma si può!

Guarire non succede in una notte, non succede in una settimana e non è tutto rosa e fiori.

Ogni giorno ti sembrerà di aver fatto un passo avanti e la verità è che probabilmente entro la fine della serata farete 3 passi indietro. Ci sono giorni in cui sei a mille e giorni in cui non vuoi alzarti dal letto e vuoi letteralmente uscire dalla tua pelle o ricevere una mazzata in testa e perdere conoscenza per non pensare.

Non c’è una guida, non c’è  un libretto di istruzioni. Siamo tutti diversi e per ognuno c’è il metodo giusto. L’errore più grande che si può fare, e che fidatevi, ho fatto milioni di volte, è quello di arrendersi perché quello che “ la tipa su internet ha fatto non funziona”.

Leggevo mille blog sulla dieta perfetta per ingrassare, ma non funzionava. Leggevo allora un altro blog con una altra dieta per ingrassare e non riuscivo a seguirla. Tutti giuravano di aver trovato la soluzione, la provavo, ma fallivo.

Ci avrò messo almeno un anno prima di capire che non dovevo seguire nessuna dieta, dovevo solo ascoltare il mio corpo. Dovevo accettare il fatto che dovevo assolutamente ingrassare e che per farlo avrei dovuto mangiare. Non importava cosa, ma qualsiasi cosa avessi deciso, avrebbe dovuto rendermi felice e farmi stare meglio.

Dovevo togliere quella mentalità del CIBO BUONO e CIBO CATTIVO e non avrei mai potuto farlo seguendo una dieta fatta da qualcun altro. Perché uscire da uno schema mentale per entrare in un altro schema?

Quante volte mi sono sentita sola, abbandonata. Non facevo altro che pensare che non era giusto che le altre ragazze della mia età potessero mangiare un piatto di pasta, mentre io dovevo mangiarne due ed il dolce. Ero stufa di paragonarmi agli altri e sentirmi diversa, ma la verità è che lo ero. Ero diversa, perché io avevo deciso di rendermi diversa. Era colpa mia lo stato in cui mi trovavo ed ora era tutto nelle mie mani. Sarei stata un disastro per qualche tempo, ma poi sarei tornata normale. Anche se odio quel termine, “normale”.

Sono stati mesi di gonfiori addominali, ritenzione idrica, vestiti che non mi andavano più bene. Ogni volta che mi guardavo allo specchio mi sentivo il doppio del giorno prima. Quando mi pesavo ed il peso aumentava il mio cuore saltava un battito. Una parte di me era felice, perché la fine era vicina, ma l’altra parte di me pensava: voglio una dieta. Era così scomodo essere me!

Vedevo solo le cose negative, non perché erano le uniche cose ad esserci, ma perché mi focalizzavo solo su quello.

Non vedevo che i miei capelli finalmente avevano smesso di cadere, non vedevo che la mia pelle aveva smesso di essere secca. Non vedevo che le mie energia erano aumentate e non dovevo più dormire 15 ore al giorno. Non mi facevano più male le ossa, non avevo più dolori a sedermi sulla sedia. Ebbene si. Ad un certo punto ero arrivata a non riuscire a sedermi, perché non avevo più muscolo e le ossa del sedere al contatto con una sedia mi uccidevano.

Per quanto possa sembrare assurdo è più facile decidere di guarire che farlo davvero. A parole le cose sono sempre più facili giusto?

Quando cominci vedi solo una vetta infinita e le tue gambe non riescono a fare due passi, ma con il tempo, fiducia nel processo e cibo, tutto diventerà più chiaro, più sensato.

Comincerete a capire cosa state facendo ed a ricordarvi costantemente perché lo state facendo.

Lo fate per il vostro futuro, per la vostra famiglia, per la vostra vita.

Ad ogni caduta dovrete rialzarvi, e non perché qualcuno vi obbliga, ma perché voi lo volete.

Nessuno vi prenderà in braccio e vi porterà alla meta. Tutto sembrerà contro di voi, ma se avete la forza di capire che l’unico ostacolo siete voi, comincerà la discesa.

Guarire è una lotta che vi riempirà di botte, lividi e cicatrici, ma fidatevi ne vale la pena.

Tutto questo un giorno sarà il viaggio più bello che avrete mai intrapreso!

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Francesca Panzolato
Altri articoli in Ama la tua vita!
Commenti chiusi.

Leggi anche

Anoressia in età evolutiva: come combatterla?

L’anoressia è una malattia devastante, per alcuni aspetti anche tragica. Ma si può u…