Home Salute e Benessere Psicologia femminile Ama la tua vita! Un’anima fragile: il racconto della lotta contro l’anoressia

Un’anima fragile: il racconto della lotta contro l’anoressia

4 min lettura
Commenti disabilitati su Un’anima fragile: il racconto della lotta contro l’anoressia
3
35
Lotta contro anoressia

“L’ANIMA IN TUTTO MA MAI IN PACE”

Avete presente quel momento, in cui vedete o leggete qualcosa e subito pensate, sono io? Questa sono io!

Sono un’anima fragile, ma che quando ama, ama con tutto quello che ha!

Quando lotto, lotto con ogni mia singola forza.

Quando voglio restare, resto per sempre.

La mia insicurezza è la mia salvezza, perché mi impedisce di buttarmi a capofitto in qualsiasi situazione, impedendomi di perdere la testa per le prime belle parole.

La mia insicurezza è anche la mia peggiore nemica, perchè mi impedisce di dire alle persone quello che provo e quello che sento.

A volte devo mordermi la lingua. A volte soffro di attacchi di panico perché penso di non essere abbastanza. Non sono abbastanza brava a scuola, non sono abbastanza bella per stare con lui, non sono abbastanza per rendere un ragazzo fiero della mia presenza.

Metto l’anima in tutto, ma mai a posto!

Metto il cuore in tutto, a mille, ma non lo dico mai.

Ho paura che l’amore non esista e che io sia una persona impossibile da amare. Indesiderata ed indesiderabile.

Allo stesso tempo so che l’amore esiste, ma non credo dii esserne all’altezza. Non credo di meritarlo.

Sono solo un gran casino che pensa tanto e dice poco!

Darei tutto ciò che ho per le persone a cui tengo, ma so che loro non sarebbero disposte a fare lo stesso per me.

Come può qualcuno amare una “persona rotta” dentro e fuori?

Hanno violato la mia dignità e la mia essenza. Come se fosse tutto ciò che io potessi meritarmi.

Nessuno vede quello che cerco di dire, nessuno riesce a leggere nei miei occhi.

Perchè se ci riuscissero si accorgerebbero che tutto quello che dico e faccio, lo faccio per un sorriso, non il mio.

Quando comincio una relazione la prima domanda che mi pongo è: chissà se gli piaccio davvero, chissà cosa pensa di me. 

Mi trovo a guardare il tuo sorriso nelle foto e a sorridere, perchè vorrei che tu fossi sempre così, felice. Ma sarò mai io il motivo di quel sorriso?

Riuscirò a metterci tutta me stessa e a mettere la mia anima in pace?

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Francesca Panzolato
Altri articoli in Ama la tua vita!
Commenti chiusi.

Leggi anche

Anoressia e Sindrome dell’Impostore: come affrontarla?

Spesso in base al periodo della vita che si sta vivendo, capita di avvertire un senso di i…