Home Lotta contro la violenza sulle donne “Se mostri il seno hai drink gratis”: il cartello sessista diventa un “caso”

“Se mostri il seno hai drink gratis”: il cartello sessista diventa un “caso”

3 min lettura
Commenti disabilitati su “Se mostri il seno hai drink gratis”: il cartello sessista diventa un “caso”
1
25
"Se mostri il seno hai drink gratis": il cartello sessista diventa un "caso"

Il proprietario di un locale in pieno centro a Milano ha affisso un cartello sul quale si  leggono le condizioni per ottenere alcolici gratis ovvero:  mostrare il seno, dare baci al barista e lanciare il reggiseno dietro il banco. Più si è prosperose, più sono i chupiti offerti.

Sui social le accuse di sessismo sono state così tante da costringere il gestore a chiudere la pagina Facebook.

“Noi non siamo un locale normale. Un giorno senza sorriso è un giorno perso”. Il proprietario dell’attività aveva tentato di mettere le mani avanti con queste frasi all’inizio e alla fine del cartello della discordia, ma non gli è bastato a evitare la pioggia di critiche, talmente numerose da costringerlo a eliminare il profilo del bar su Facebook.

“Hai una seconda di seno? Se lo mostri, ti vengono offerte due consumazioni gratis. Una terza invece ti dà diritto a tre drink. E così via. Chi non sta al gioco non è gradito “perché le altre ce l’hanno come te”, si legge.

Questo post ha inevitabilmente scatenato la rivolta social e tra i primi ad intervenire c’è stato Pierfrancesco Maran, assessore all’urbanistica: “Coi tavolini all’aperto ci siamo posti l’obiettivo di salvare i locali milanesi e la nostra socialità. Obiettivamente non tutti meritano di essere salvati”, la sua amara riflessione.

Sui social e sul sito di recensioni, i titolari hanno risposto a qualche cliente spiegando di non essere mai stati “irrispettosi verso le donne che da noi sono sempre coccolate e ben volute” e che quello era un “cartello goliardino e non offensivo”.

Il cartello, poche ore dopo, è stato tolto e il barista si è scusato in un post.

Ma a cosa serve scusarsi? Ormai la “frittata è fatta”..

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Femminicidi, una strage in aumento: 15% in più del 2019

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Rossana Nardacci
Altri articoli in Lotta contro la violenza sulle donne
Commenti chiusi.

Leggi anche

Film in costume: le migliori pellicole da vedere in casa

Aspettando che le sale riaprano (ri)vediamo i grandi film a casa: dallo sfarzo di Versaill…