Home Bellezza Braccia “a tendina” addio!

Braccia “a tendina” addio!

6 min lettura
Commenti disabilitati su Braccia “a tendina” addio!
1
124
2 1

Con le nostre astuzie le tue braccia torneranno toniche e snelle a tutta velocità

braccia "a tendina" cause

Le braccia “a tendina” sono un inestetismo temuto ed imbarazzante. La pelle cadente e priva di tono tra ascella e gomito ci costringe ad evitare abiti smanicati e ci sentiamo a disagio quando andiamo in piscina o alle terme.

Le cause

La lassità delle braccia può dipendere dal famigerato effetto yoyo dovuto a rapide perdite di peso seguite da un nuovo aumento o da un dimagrimento eccessivo che determinano uno svuotamento con cute cadente, accompagnato talvolta da smagliature.

Un’altra causa è l’avanzare dell’età che provoca l’invecchiamento cutaneo con la riduzione di collagene e fibre elastiche.

Trattamento professionale

braccia "a tendina"

Se in passato i rimedi per tonificarle erano pochi, adesso la medicina estetica propone diverse tecniche efficaci. Un immediato effetto tensore si ottiene con la radiofrequenza frazionata a micro-aghi che unisce energia calda ed impulsi elettrici, grazie a micro-aghi che agiscono sia in profondità, stimolando i fibroblasti a produrre nuovo collagene ed elastina, sia in superficie, regalando alla cute tono e turgore.  Si consigliano 3 o 4 sedute: una ogni 2 o 3 settimane. Per il mantenimento basta una seduta all’anno.

I muscoli da allenare

E’ importante aiutarsi anche con una serie di esercizi mirati per riattivare i muscoli delle braccia e tonificarle. I muscoli interessati sono il bicipite, che si trova nella parte anteriore del braccio e che usiamo quando portiamo qualcosa verso di noi ed il tricipite, muscolo posteriore che si attiva nelle estensioni.

Esercizi per tricipiti

Prendi una sedia ed appoggiala al muro. Siediti sul bordo, con le mani sulla seduta leggermente indietro rispetto ai glutei. Piedi ben piantati a terra, ginocchia piegate. Scendi con il sedere verso terra e poi, aiutandoti con la forza delle braccia, torna a sederti sul bordo della sedia. Fai tre serie da dieci ripetizioni l’una.

Con peso da 2 kg, alza il braccio sopra la testa e piega il gomito puntando il peso verso la schiena fino a che il gomito non forma un angolo di 90°. Stendi di nuovo il braccio verso l’alto. Ripeti 10 volte per braccio per due serie. Un minuto di riposo tra una sere e l’altra.

Esercizi per bicipiti

In piedi, con le gambe leggermente flesse e divaricate e le braccia lungo i fianchi, prendi in mano un peso da 2 kg (o una bottiglia d’acqua da 2 litri) e portalo verso la spalla muovendo solo l’avambraccio, tenendo fermo il gomito. Comincia con il braccio destro, fai l’esercizio 10 volte poi ripeti con il sinistro. Fai almeno 2 serie da 10.

Le flessioni non possono mancare

I classici piegamenti sulle braccia sono perfetti. Stenditi a pancia in giù su un tappetino, appoggia le mani a terra, all’altezza delle spalle, metti il corpo in asse tenendo addominali e glutei tesi e stendi le braccia. Mantieni la posa per 3-4 secondi e poi ritorna lentamente a terra. Ripeti l’esercizio 10 volte, per 2 serie.

Creme ed oli

Un aiuto in più arriva dai cosmetici. In commercio trovi prodotti rassodanti ricchi di estratti vegetali e trattamenti rimodellanti dall’effetto lifting che tonificano la pelle. Tra questi creme o oli ricchi di omega 3 e 6, acidi grassi essenziali ad azioni idratante che ricompattano i tessuti rendendo la pelle più levigata e vitamine E ed F che nutrono e rendono l’epidermide più elastica.

Preziosi alleati anche i prodotti che contengono concentrati di guaranà, caffeina, equiseto: sono lipolitici, rassodanti e stimolano la circolazione.

 

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Rossana Nardacci
Altri articoli in Bellezza
Commenti chiusi.

Leggi anche

Stupratori: chi sono e perchè si sentono in diritto di violarci?

La violenza di uno stupro non si cancella mai, ti insegue per tutta la vita, nei ricordi, …