Diventare Make Up Artist, il sogno di molte donne

3 min lettura
Commenti disabilitati su Diventare Make Up Artist, il sogno di molte donne
0
6
Diventare Make Up Artist, il sogno di molte donne

Diventare Make Up Artist è il sogno di moltissime ragazze e non solo visto che la metà degli addetti è di sesso maschile. Ma non bisogna pensare che la strada sia in discesa. Si tratta di un settore in cui la competizione è molto forte e per affermarsi bisogna avere una preparazione a 360 gradi.

Come si diventa Make Up Artist?

Il wedding è un ottimo mercato ma stagionale. Il trucco teatrale è un lavoro tendenzialmente serale ma quello che è davvero esploso con il Lockdown è il mercato degli e-commerce, i cataloghi web o social in cui i brand presentano le nuove linee, con relativo trucco e parrucco di modelli e modelle.

Per diventare Make Up Artist:

  • dopo la terza media puoi iscriverti ad un corso professionale, al liceo artistico o ad un corso di grafica
  • una volta maggiorenni, ad una scuola di trucco annuale o più breve, full o part time, selezionando quelle presenti da anni sul mercato

Diffida di chi pone come condizione l’acquisto di un costoso kit e non prevede almeno un colloquio di selezione  iniziale  ma soprattutto mettiti in gioco solo se obiettivamente pensi di avere le doti indispensabili  per farcela: motivazione, creatività, curiosità, spirito di adattabilità, manualità, empatia ed attitudine psicologica ti aiuteranno a capire le esigenze inespresse del cliente.

  • Il sospirato attestato è il primo gradino, dopo il quale occorrerà investire in un kit di trucco personale ed aprire la partita IVA.
  • I corsi di specializzazione così come l’aggiornamento continuo costituiranno un valido plus e nel frattempo puoi postare su Instagram i tuoi lavori, sempre accattivanti e selezionati, candidarti per i free test ed offrirti come assistente a professionisti già affermati. Fai attenzione perchè il confine con lo sfruttamento è molto labile: due collaborazioni gratuite per lo stesso brand andranno bene, alla terza è giusto chiedere di essere pagate. Quanto? Le valutazioni variano moltissimo in base al luogo, al cliente, all’esperienza ed al tipo di lavoro. Quindi generalizzare non è possibile.

 

 

 

 

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Rossana Nardacci
Altri articoli in Consigli utili
Commenti chiusi.

Leggi anche

Last Chapter Craft, un progetto nato da due mondi diversi

Una preziosa bookish box in cui i personaggi dei libri, la storia e il suo aesthetic prend…