Home Must Have These boots are made for walking: l’ascesa del texano

These boots are made for walking: l’ascesa del texano

6 min lettura
Commenti disabilitati su These boots are made for walking: l’ascesa del texano
0
43
Lo stivale più in voga del momento

These boots are made for walking
And that’s just what they’ll do
One of these days these boots are gonna walk all over you

Cantava così Nancy Sinatra nel 1966 ed i boots made for walking oggetto di questa hit sono proprio loro: gli stivali texani.

Must have dal fascino statunitense, gli stivaletti in salsa western sono l’alter ego selvaggio e provocatore dei più classici chelsea boots inglesi.

LA STORIA

stivali texani marilyn monroe

Era il 1923 quando le ragazze texane scesero in piazza per festeggiare il 75esimo anniversario dalla fondazione della città di Fort Worth. Circa vent’anni dopo, nel 1954, i texani si facevano spazio nell’industria del cinema, magistralmente indossati dalla coppia di cow-people più amata di sempre: Dale Evans e Roy Rogers. La Evans amava indossarli anche fuori dal set: fece subito tendenza.

Dopo soli quattro anni, la collega Shirley McLaine fece la sua comparsa sul grande schermo nel ruolo di Dell Peyton in “La legge del più forte”. Le scarpe? Texani in suedè.

La vera notorietà arriva però quando gli stivali camperos spuntano ai piedi di una vera diva: Marilyn Monroe. Fuori e dentro il set, Marilyn rese la calzatura iconica tanto quanto lei. Indimenticabili i suoi scatti a tema San Valentino, dove indossa un giocoso costume da cowgirl: l’ascesa del texano ha inizio.

Risale al 1970 l’interpretazione patriottica e sexy del texano: Raquel Welch, in “Il caso Myra Breckinridge”, offre un’immagine indimenticabile.

Con l’arrivo della disco-era, negli anni ‘80 gli stivali camperos diventarono una scelta sicura per ballare tutta la notte allo Studio 54. Le ragazze della notte matchavano le calzature con pantaloni di pelle e minuscoli vestitini con lo scollo a V.

Risale agli anni ’80 anche il sigillo di approvazione aristocratica posto da Diana, principessa del Galles. L’icona della moda, ribelle e poco conforme agli standard britannici, si presentò ad un incontro di polo a Windsor, nel 1988, con giacca, jeans, berretto da baseball e stivale texano marrone con lavorazione a traliccio: da allora molte donne della Royal Family (compresa l’impeccabile Kate Middleton) hanno ceduto al fascino di questa scarpa made in U.S.A.

LA SVALUTAZIONE NEGLI ANNI DUEMILA

Con l’arrivo del nuovo secolo, gli stivali da cowboy hanno purtroppo subìto una crudele svalutazione: artisti country e pop star hanno indossato versioni poco lusinghiere della scarpa: dal texano ricamato con farfalle di strass di Britney Spears ai Nickelodeon Kids’ Choice Awards del 2003, alle improbabili mise di Taylor Swift. L’ascesa del texano stava diventando una rovinosa discesa.

Solo l’icona di stile Kate Moss, l’attrice Sienna Miller e la signora del country Dolly Parton (i cui camperos personalizzati con tacco sono esposti al Buffalo Bill Museum in Colorado), in questi anni di apocalissi stilistica del texano, riescono a conferirgli una certa credibilità.

Lo stivale camperos è rimasto macchiato da una forte associazione con il mondo della musica country fino all’autunno 2014, quando il nativo texano Tom Ford ha reinventato la calzatura per l’alta moda.

COME SI PORTA IL TEXANO OGGI

ascesa texano

Dal 2014 in poi, gli stivali da cowboy hanno iniziato una scalata al successo stellare: negli ultimi due anni sono ricomparsi sulla scena fashion dipinti di colori e tinte mai visti.

Nasce un nuovo concetto di look: al fascino delle nuove tendenze primavera-estate (stampe floreali, animalier, denim su denim), si unisce un classico senza tempo che viene rivisitato in chiave contemporanea.

Come si portano? Con il denim, sotto gonne gipsy, e persino con i tailleur.

Un trend da prendere al volo, anzi al balzo e da acquistare partendo da quì

Dimmi che ne pensi!
Riassunto
0 %
Carica altri articoli correlati
  • The Attico: il segreto sta nel nome

    The Attico: il segreto sta nel nome

    Un po’ avant-garde, un po’ retrò, un po’ streetstyle, un po’ Charlotte Rampling e Bianca J…
Altri articoli da Anna Quirino
Altri articoli in Must Have
Commenti chiusi.

Leggi anche

The Attico: il segreto sta nel nome

Un po’ avant-garde, un po’ retrò, un po’ streetstyle, un po’ Charlotte Rampling e Bianca J…