Maria Sole Ferrieri Caputi, la prima donna arbitro in serie A

2 min lettura
Commenti disabilitati su Maria Sole Ferrieri Caputi, la prima donna arbitro in serie A
0
13
Maria Sole Ferrieri Caputi, la prima donna arbitro in serie A

Classe 1990, l’arbitro toscano nella vita è una ricercatrice alla fondazione Adapt (Associazione per gli studi internazionali e comparativi in materia di lavoro e relazioni industriali) e dottoranda all’università di Bergamo.

Riservata, fredda ed umile: è grazie anche a questo carattere che Maria Sole Ferrieri Caputi è arrivata a diventare la prima donna arbitro in serie A.

Il primo fischio in A era solo questione di tempo. A luglio – dopo la conferenza stampa a Coverciano per presentare la formazione dei ruoli arbitrali in vista della stagione 2022-2023 – Maria Sole Ferrieri Caputi era stata inserita nell’organico come una dei cinque arbitri promossi nella CAN di A e di B.

Quello femminile è un movimento di 1.700 associate. E per la prima volta una donna fa il suo esordio in Serie A. Questo è un momento storico dopo oltre 110 anni. Qui non viene dato per privilegio quello che spetta per diritto. Questa ragazza si è guadagnata questo percorso.

La scelta definitiva di Maria Sole è figlia del merito, come hanno sempre stabilito ed affermato i vertici arbitrali dal presidente Trentalange al designatore Gianluca Rocchi.

Per Maria Sole Ferrieri Caputi (finora 23 gare in C, 3 in serie B, una coppa Italia e Quarto Uomo in Monza-Udinese alla terza) sono stati anticipati i tempi perché è stata designata al Mondiale femminile Under 17 in India che si terrà dall’11 al 30 Ottobre.

 

LEGGI ANCHE: Stéphanie Frappart, entra nella storia del calcio arbitrando la finale di Supercoppa

 

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Rossana Nardacci
Altri articoli in Donne
Commenti chiusi.

Leggi anche

Mimosa: simbolo della Giornata Internazionale delle Donne

Mimosa: da simbolo della festa della donna all’annuncio dell’arrivo della primavera La mim…