Home Alta moda Something à la mode: Voltry e Sofia Alemani per la MFW

Something à la mode: Voltry e Sofia Alemani per la MFW

5 min lettura
0
3
71
Sofia alemani fashion 2020

Something À La Mode trunk show,  l’evento messo su dalla Fashion Curator Veronica Sheynina

Veronica Sheynina è tornata alla Milano Fashion Week con due nomi emergenti: Voltry direttamente dalla Russia ha sfilato per la prima volta nella città della moda Italiana, presentando la collezione eco-sostenibile realizzata completamente in lino.  Mentre dopo le sfilate di Montecarlo e Alta Roma, per Sofia Alemani non è stato il primo debutto sulla scena internazionale e ha proposto una collezione dal gusto eclettico.

Voltry: eleganza delle idee eco chic

voltry ss20

In un periodo in cui si discute molto di abbigliamento eco-friendly e sostenibilità, Voltry è uno di quei brand che ha nel DNA l’eleganza delle idee eco chic. Marchio nato in Russia da oltre cinquanta anni, con la propria produzione nella città di Vologda, vicino a Mosca.

I capi per Voltry devono essere belli ma naturali, di tendenza ma ecologici.  Infatti è stato il primo marchio in Russia ad utilizzare il filato di lino ecologico per la produzione di maglieria diventando leader assoluto del settore russo.

La produzione è focalizzata sui capi in tessuto di lino con l’uso dei vari metodi di lavorazione a mano che rendono ogni capo Voltry unico ed esclusivo. Attualmente il brand produce sei nuove collezioni moda all’anno, ma espande anche la propria creatività con accessori, calzature, biancheria da letto e da tavola.

Durante la Milano Fashion week,  Voltry ha presentato la collezione Primavera/Estate 2020 ispirata ai viaggi, con motivi romantici del pizzo tradizionale di Vologda stampato sul tessuto. Non sono mancati i capi casual dello stile à la Russe, così come la leggerissima maglieria con degli ornamenti traforati ed i motivi orientali, ma anche la bigiotteria e le calzature realizzate in lino.

Sofia Alemani e la sua collezione

SOFIA ALEMANI

Sofia Alemani fonda il suo brand nel 2009, dopo una carriera come designer-architetto. Una carriera caratterizzata dalle sue esperienze professionali che hanno spaziato dall’arte al design d’interni, dalla scenografia alla pittura fino alla scultura. Sofia, da perfetta autodidatta, non segue le regole consolidate, ma traccia vie diverse. Attraverso un curioso approccio al tessuto determina interpretazioni fuori dal comune, dove nulla è scontato. Così il diritto lascia il posto al rovescio, creando inedite percezioni e suggestioni tattili.

Quella che ha presentato durante la MFW per la SS20, è la provocatoria e provocante “XXL vs XXS Capsule”, dove il concetto curvy esplode finalmente nella gioia di mille colori e luci di paillettes esibite nel segno del massimalismo.

Con questa speciale capsule di capi prêt a couture ad ispirazione sport chic, la Alemani ha voluto ringraziare tutte le sue clienti, donne di età e taglie diverse, perché credono ancora nella qualità e nella creatività dei capi sartoriali, fatti su misura e immaginati per valorizzare al massimo la bellezza di ciascuna.

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Fabrizia Cipolletta
Altri articoli in Alta moda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Pied de poule: must dell’ Autunno Inverno 2019-20

Una delle stampe di punta della stagione fredda è offerta dalla trama pied de poule Per ch…