Home Gravidanza Diventare mamme: un viaggio lungo tutta la vita

Diventare mamme: un viaggio lungo tutta la vita

5 min lettura
Commenti disabilitati su Diventare mamme: un viaggio lungo tutta la vita
1
40
Gravidanza: alla scoperta di un viaggio lungo tutta la vita

Gravidanza: un miracolo che trasforma il corpo umano nel tempio di una vita che si forma

Una vita che si evolve giorno dopo giorno. La gravidanza è un percorso che non si affronta da sole perché in questi nove mesi il vostro bimbo è sempre con voi, che sia una giornata di relax o di frenesia lui/lei è lì con voi, che la salute sia ottima o che si soffra per i comuni disturbi che la gravidanza porta con sé, lui/lei è lì con voi.
Un pancino dapprima quasi invisibile lascerà il posto ad un pancione che richiederà vestiti su misura, frequente riposo e pennichelle ogni qualvolta se ne abbia l’occasione!
Sì, diventare mamme apre le porte ad un rapporto unico, intenso, intimo, costante e profondo che vi accompagnerà ogni giorno della vostra vita, perché ogni giorno della vostra vita al vostro fianco avrete il vostro bambino.
Se da un lato la gravidanza è la migliore esperienza che una donna possa provare, dall’altro può portare con sé sintomi e disturbi poco gradevoli.

Quali sono i sintomi che ci accompagneranno durante la gravidanza?

gravidanza: sintomi e caratteristiche

Il primo fastidio di fama ormai mondiale associato all’ essere in attesa di un bimbo è senza dubbio la nausea, di giorno, di notte, a stomaco vuoto o a stomaco pieno la nausea può vestire i panni di una nemica agguerrita difficile da debellare. Non disperate, perché per quanto sia fastidiosa non vi accompagnerà per tutta la gestazione e madre natura ha fornito ottimi rimedi per tenerla sotto controllo, tra questi lo zenzero.

Ogni mamma si troverà a fare i conti con l’aumento della temperatura corporea che, nei mesi invernali impedirà di avere mani e piedi freddi ma durante i torridi mesi estivi trasformerà una comunissima giornata in una sauna!
Quale donna non ha sofferto di mal di schiena nei nove mesi che la dividevano dal magico giorno in cui avrebbe conosciuto il suo bambino/a?! Forse nessuna perché i fisiologici cambiamenti a cui va incontro il corpo umano, che deve far spazio dentro di sé ad un nuovo essere vivente gravano proprio su colonna vertebrale e bacino. Se si vuole evitare l’assunzione di farmaci che verrebbero metabolizzati e assimilati dal feto, un valido aiuto lo si può trovare nello yoga che oltre a rilassare e distendere le fibre muscolari suggerisce le corrette posture da adottare.
Con l’avvicinarsi del parto e l’abbassarsi del pancione la vescica subisce un’insolita ma del tutto naturale pressione che costringe a far la pipì cento volte al giorno! Nulla di così grave se si pensa alla meravigliosa creatura che mangia, dorme e vive dentro di voi e a ricordarvelo sarà l’amore dei teneri calcetti che il piccolo usa per comunicare con la sua mamma; saranno proprio i suoi movimenti che vi daranno la forza di superare anche le giornate più difficili nell’attesa di poterlo finalmente stringere tra le vostre braccia, accarezzargli la pelle ed assaporare il profumo di vita nuova!

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Angelica Rizzoni
Altri articoli in Gravidanza
Commenti chiusi.

Leggi anche

Stanchezza in gravidanza: quali sono i rimedi per combatterla?

La stanchezza della gravidanza È soprattutto agli esordi della gravidanza che la futura ma…