Altaroma strizza l’occhio a Cinecittà per l’edizione digitale 2021

4 min lettura
Commenti disabilitati su Altaroma strizza l’occhio a Cinecittà per l’edizione digitale 2021
2
41
Altaroma strizza l'occhio a Cinecittà per l'edizione digitale 2021

Anche quest’anno, Altaroma, fucina di designer emergenti e novità fashion, ritorna in digitale per l’edizione 2021 e lo fa sognando in grande stile. Si, perché la location sarà un luogo d’eccezione: lo studio 12 di Cinecittà.

Un luogo suggestivo in cui sfileranno brand italiani, outsider ed accademie più importanti d’Italia

 

EVENTI IN DIGITALE ALLA PORTATA DI TUTTI I SOGNATORI

Saranno tre giorni intensi, quelli dal 18 al 20 Febbraio per Roma.

Dodici i fashion show trasmessi online a cui si affiancheranno talks, showcase, webinar, presentazioni delle accademie ed  alcuni fashion film.

Ciò che caratterizza l’imminente edizione pero, è la possibilità, per gli amanti della moda e gli addetti ai lavori, di poter assistere in diretta alle sfilate. Come?

Attraverso la registrazione a Digital Runway, una piattaforma adibita allo streaming delle catwalks e alla  loro visione on-demand.

Una soluzione e decisione, consolidata dall’intensa emergenza sanitaria in corso e, soprattutto, dalla volontà di ”democratizzare” eventi altrimenti esclusivi di buyer e giornalisti.

 

LA VOGLIA DI INSEGUIRE I PROPRI SOGNI, COGLIENDO TUTTE LE OPPORTUNITA’

 

Filo conduttore di tutta la kermesse culturale è l’opportunità, spiega Silvia Venturini Fendi, direttrice di Altaroma.

sia come quella che dobbiamo offrire, seguendo la nostra vocazione di sostenitori dei giovani marchi,  e sia quella che va colta, da chi partecipa  e da chi lavora insieme a noi, affinché il lavoro di questi difficili mesi si trasformi in successo e dia un nuovo impulso al sistema gravemente colpito da questa pandemia.

 

I concetti chiave ruoteranno intorno alla sosteniblità, alla sartorialità ed alla valorizzazione dei territori italiani, culle dell’artigianalità e dell’estro creativo.

Un inno alla manualità ed al futuro, una preghiera di speranza per i giovani designer affinché esternino la loro visione del mondo prendendosi cura della Madre Terra.

 

I giovani  trovano una naturale spazio all’interno dei nostri programmi e grazie a loro noi abbiamo fatto spontaneamente nostri tutti quegli strumenti innovativi e quelle tematiche, come la sostenibilità, che avrebbero altrimenti necessitato di tempistiche molto più ampie e passaggi articolati.

 

Altaroma quindi, come in ogni edizione, si riconferma l’incubatore per eccellenza, l’ago della bilancia. Colei che riesce ad intersecare al fashion system nuove ideologie di economia circolare e green in maniera impeccabile, elegante e mirata, senza per questo sminuire il glam e il blink blink  tipico degli eventi modaioli.

 

 

 

 

 

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da MARTA MAGGIONI
Altri articoli in Alta moda
Commenti chiusi.

Leggi anche

Torna in presenza il Salone del Libro: le novità dell’edizione XXXIII

La cultura torna a strizzare l’occhio a Torino e così, finalmente, ecco diventare re…