14 Febbraio: Inno all’Amore

5 min lettura
Commenti disabilitati su 14 Febbraio: Inno all’Amore
0
45
San Valentino: inno all'amore

San Valentino: una ricorrenza dedicata interamente all’amore

C’è chi dice sia una trovata commerciale ben pensata. C’è chi afferma che non sia necessario attendere una giornata in particolare per celebrare l’amore, perché l’amore si dimostra ogni giorno. C’è chi, ancora, è in trepidante attesa per il 14 Febbraio, al fine di  sorprendere il proprio partner con una cenetta romantica e per farsi sorprendere a sua volta.

Le opinioni sono certamente contrastanti, ma sicuro è che San Valentino è senza dubbio una ricorrenza dedicata interamente all’amore.

foto 209 1

054f9351ea0a71d77819a3898c3f613d

Ma andiamo per ordine. Chi era Valentino? Il patrono degli innamorati era un vescovo ed un martire cristiano che, in nome della propria fede, morì flagellato prima, e decapitato poi. Nessuna colpa in particolare, se non quella di avere tanta popolarità tra il popolo romano durante le persecuzioni contro i cristiani da parte dell’Impero. Fin qui, dunque, nulla di romantico.

E allora perché viene considerato il protettore delle coppie innamorate? La tradizione racconta che il Santo venne giustiziato per aver celebrato il matrimonio tra la cristiana Serapia ed il legionario Sabino, il quale, a differenza della sua sposa, era pagano. I due novelli sposi comunque non ebbero vita lunga insieme: Serapia, malata da tempo, morì e, di conseguenza, anche il suo giovane marito. Da qui il motivo per cui San Valentino, morto il 14 Febbraio del 273, è osannato come difensore dell’amore e degli innamorati.

San Valentino da Terni TuttArt@ 1

San Valentino: da una leggenda ad un vero e proprio business

Oggi la festa è indubbiamente più romantica rispetto alla triste leggenda, ma anche più consumistica.

I ristoranti riservano tavoli per due da settimane prima, le spa propongono percorsi benessere di coppia rilassanti e anche le agenzie di viaggi hanno un bel da fare.

romantic

Cena Romantica Parigi ChezMadeleine

coppia vacanza benessere

Capitolo regali: i fiori sono sempre ben accetti, i Baci Perugina presentano all’interno della confezione di ogni singolo cioccolatino il famoso bigliettino che recita frasi scritte in collaborazione con personaggi famosi, confezioni di leccornie dipinte di rosso (e quale altro colore, altrimenti?), foto stampate in formati e dimensioni notevoli raffiguranti coppiette felici per immortalare e rendere eterno un momento preciso, senza dimenticare le cartoline che si scambiavano i nostri genitori, raffiguranti i noti innamorati di Peynet.

Ma non dimentichiamo anche chi vuole davvero strafare e attendere San Valentino per dichiararsi, per mettere in atto una proposta di matrimonio, per organizzare qualcosa di davvero speciale ed unico.

Baci Perugina San Valentino 18 600x400

anello dodo 100per100 amore cuore rosso ad9amsr 3

san valentino fiori

8d260bb8c89e0b76a1995e5228e6ab8e

Baci Perugina- collaborazione con Emma; Anello Dodo 100% amore; composizione di rose rosse; gli innamorati di Peynet.

Per quanto mi riguarda, abbraccio la festività, consapevole che forse è vero che l’amore va vissuto ogni giorno. Che non è sempre come ce lo aspettiamo, che spesso finisce. Che bisogna lottare per ottenerlo e, una volta ottenuto, è necessario continuare a lottare per tenerselo stretto. Che gli ostacoli ci saranno sempre in un percorso di condivisione, ma che se parliamo di amore, quello con la A maiuscola, bisogna prendersi per mano ed essere forti davvero. Quindi, perché non dedicare a questo sentimento che ognuno di noi cerca quotidianamente (anche i più cinici, ve lo assicuro!) un’intera giornata? Personalmente, io lo festeggio ogni anno. No, davvero, non sto peccando di presunzione! Fortunatamente, anche da single, mi chiamo Valentina!

Carica altri articoli correlati
Altri articoli da Valentina Domma
Altri articoli in Curiosità & Amore
Commenti chiusi.

Leggi anche

Le it bags dei sogni: Chanel 2.55 e la Birkin di Hèrmes

“È quello giusto se lo guardi come se fosse l’ultima Louis Vuitton!” Beh, insomma, non sch…